Mea culpa

I genitori sanno che i momenti migliori per fare le cose sono quando i figli dormono.

Così diceva un qualcuno in qualche film che ho visto di recente (o era un pubblicità?).

Ad ogni modo… Verissimo.

Sperimentato sulla mia pelle anche con la mod che sostituisce “i figli” con “gli altri” e i genitori con “i programmatori”.

silenzio2

Ho dovuto di recente resuscitare un progetto che ho gestito male ed ero in ritardo. Mea culpa. Ho così barattato ore di sonno in cambio di ore di sviluppo. La versione dev di “10 Ave Maria e 3 Padre Nostro” per rimediare ai propri peccati.

A parte la difficolta di scendere da quel dannato letto molto prima del solito ho riscoperto un grande amico: il silenzio. Quanto si vola a lavorare nel silenzio. Ho sperimentato le ore più produttive (in termini di sviluppo puro) degli ultimi mesi. Il codice scorre tra le dita, nessuna interruzione, il flusso prosegue ininterrotto.

Ecco perché le condizioni di lavoro tranquille dei developer compaiono nella lista di Joel per valutare una software house.

(Ho scoperto l’acqua calda, me lo dico da solo)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s